RioLab

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Articoli
Articoli

Personalizzare la barra multifunzione in Access 2007 - guida introduttiva (Parte 1)

E-mail Stampa PDF

La barra multifunzione introdotta in Office 2007 è sicuramente la novità più d’impatto di questa suite. In questa guida vedremo come è possibile personalizzare la barra nelle nostre applicazioni Access.
 

Ultimo aggiornamento Sabato 19 Settembre 2009 21:03 Leggi tutto...
 

Ammortamento di un prestito

E-mail Stampa PDF

Recenti nuove norme hanno stabilito che i titolari di mutui bancari hanno la facoltà effettuarne la conversione, ricalcolandoli a condizioni più favorevoli, nel caso in cui questi si rivelino particolarmente onerosi a causa dell'aumento dei tassi di interesse.

Per consentire ai mutuatari di confrontare le varie opzioni, sono state create le seguenti tabelle di uso semplice ed immediato.

I calcoli sono effettuati col cosiddetto metodo "francese" che prevede Rate, Periodi di pagamento e Tasso, costanti nel tempo.

Il momento del pagamento può essere scelto anticipato, cioè all'inizio del periodo di pagamento, oppure posticipato, cioè alla fine.

Quest'ultimo è il metodo più usato nella prassi bancaria.

Nel caso in cui si volesse ricalcolare un mutuo esistente già in fase di ammortamento, sarebbe sufficiente conoscere il Capitale Residuo, da impostare come Capitale Iniziale, il nuovo tasso e, da questi dati ripartire.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 13 Dicembre 2009 10:16 Leggi tutto...
 

Risolutore 04 - Ritorno crescente o decrescente in problemi lineari

E-mail Stampa PDF

Questo articolo è la quarta puntata per esplorare le potenzialità del risolutore di excel.

OTTIMIZZARE LA PRODUZIONE CON RITORNI CRESCENTI O DECRESCENTI

Spesso nella produzione ci si trova di fronte a situazioni con economie o diseconomie di scala.

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Ottobre 2009 10:02 Leggi tutto...
 

Personalizzare a runtime le maschere e i report

E-mail Stampa PDF
Scritto da Silvio Savoldi , in collaborazione con Alessandro Baraldi

La personalizzazione dei Reports aziendali è un problema importante e ricorrente: spesso obbliga i programmatori a predisporre, con grande perdita di tempo, varie soluzioni che differiscono sostanzialmente per la sola impronta grafica.

 

Invece che collezionare copie di Reports differenti solo nel Layout, sarebbe comodo poter customizzare la sola grafica di stampa, lasciando inalterato il Design. Per quanto meno frequente, un discorso analogo si può fare per le maschere, soprattutto in ambiente multiutente.

Access non prevede nulla di nativo per implementare ciò.
Abbiamo realizzato uno strumento che consente la customizzazione Runtime dei layouts di Forms/Reports e il relativo riutilizzo, dipendentemente da un’autenticazione utente. E’ possibile interagire con buona parte delle proprietà esposte da Maschere/Reports e relativi controlli e salvare eventuali modifiche, che saranno automaticamente applicate ai successivi accessi.
Per semplicità s’è integrato tutto all’interno della classica applicazione d’esempio NorthWind.mdb, distribuita con MS Access.

IMPORTANTE! Nell’esempio sono stati definiti due profili utente:

1) Utente NorthWind “standard” 
  Nome Utente: User
  password: User

2) Utente NorthWind “personalizzato” 
  Nome Utente: sa
  password: sa

La versione per Access 97 del progetto non implementa la gestione dei parametri di stampa, ottenuta con la release XP attraverso l’oggetto PRINTER.

 

 

 


Sistema operativo: WIN32
Applicazioni: Access 97, Access 2002/XP, Access 2003

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Luglio 2009 13:43
 

MAX, MIN MEDIA Sotto una o più Condizioni

E-mail Stampa PDF
(Scritto da Giovana Arcadu, Ivano Chiappa, Maurizio Lettieri)

Calcolare i valori max, min e la media senza condizioni.

Prima di affrontare il problema del calcolo dei tre valori sub condizione, vediamo il semplice uso delle funzioni  =MAX(), =MIN() e =MEDIA()

Nella Figura seguente abbiamo in colonna I un intervallo, I8:I27, contenente valori numerici. La tabellina in grassetto mostra il calcolo dei valori massimo, minimo e della media, nel nostro intervallo.

 

 

I

J

K

L

 

 

 

Abbiamo inserito le funzioni

 

In J10:=MAX(I8:I27)

In K10:=MIN(I8:I27)

In L10:=MEDIA(I8:I27)

 

7

QUAN.TA'

 

 

 

8

10

Problema 1

 

 

9

20

MAX

MIN

MEDIA

10

10

45

3

18,3

11

20

 

 

 

12

15

 

 

 

13

25

 

 

 

14

35

 

 

 

15

45

 

 

 

16

12

 

 

 

17

3

 

 

 

18

3

 

 

 

19

32

 

 

 

20

4

 

 

 

21

5

 

 

 

22

3

 

 

 

23

23

 

 

 

24

34

 

 

 

25

43

 

 

 

26

21

 

 

 

27

3

 

 

 

  

Calcolare il valore MAX sotto una sola condizione.

La figura sotto mostra in colonna H una lista di nomi, in colonna I dei valori numerici. La tabella in grassetto, il calcolo dei valori massimo, minimo e della media, posta una condizione.

Calcoliamo il valore Max nella colonna "Quantità", relativo ad un certo nome: è la nostra condizione.

In una cella, J10, inseriamo uno dei nomi della lista, es, Mao.

Poiché stiamo ponendo delle condizioni, fa al caso nostro la funzione =SE, [=SE(test;se_vero;se_falso)], combinata con la funzione =MAX. Impostiamo in cella K10 la formula:

 

=MAX(SE(($H$8:$H$27=$J10;$I$8:$I$27)) 

 

Questa formula dà ad Excel l'istruzione: trovami il valore MAX nell'intervallo I8:I27, considerando soltanto i valori relativi al nome Mao nell'intervallo H8:H27. [Nella funzione =SE è stato omesso il terzo argomento]                                     

La formula è matriciale


[Le formule matriciali sono formule che utilizzano come argomenti dei vettori (intervalli di celle su una riga o colonna) o delle matrici (intervalli su più righe e colonne, cioè tabelle e devono essere delle stesse dimensioni) di valori e non dei singoli valori numerici e restituiscono come risultato dei vettori o delle matrici. Per inserirle bisogna premere CTRL+MAIUSC+INVIO al posto del solo INVIO]

 Nelle celle J11 e J12 sono stati inseriti altri due nomi della lista e calcolati i rispettivi valori max, min e media, nelle due righe successive della tabellina in grassetto.

 

Calcolo valori MAX, MIN, MEDIA, sotto due o più condizioni

Prima di affrontare questo secondo problema consideriamo  come excel gestisce il prodotto tra valori contenuti in più intervalli di celle, egualmente estesi.

Excel, con le formule matriciali, esegue tale prodotto moltiplicando ogni posizione di un array (l'intervallo) per la corrispettiva dell'altra.

 

Ad esempio {1;3;1} *  {2;4;5} = {2;12;5}

 

Se gli intervalli contengono i valori VERO e FALSO, avrò:{VERO;FALSO;VERO}*{FALSO; FALSO;VERO} = {FALSO; FALSO; VERO} ovvero ottengo VERO solo quando nelle rispettive posizioni ho entrambi i valori VERO. Excel nel moltiplicare dei VERO e FALSO (risultati di confronti) si comporta quindi come l’operatore logico E e restituisce quindi 1 se entrambe le condizioni sono vere e 0 negli altri casi.

 

Sfruttando questa proprietà calcoliamo ad esempio la  MEDIA sotto due condizioni (un nome ed una data stabiliti).

La figura seguente mostra un colonna contenente un elenco di date, una contenente una lista di nomi, ed una colonna con dei valori numerici.

 

F

G

H

I

J

K

L

M

N

 

 

 

 

 

Le formule usate:

 

  In L10:

=MAX(SE(($H$8:$H$27=$J10)*($G$8:$G$27=$K10);$I$8:$I$27))

 

  In M10:

=MIN(SE(($H$8:$H$27=$J10)*($G$8:$G$27=$K10);$I$8:$I$27))

 

  In N10:         =MEDIA(SE(($H$8:$H$27=$J10)*($G$8:$G$27=$K10);$I$8:$I$27))

 

Per tali formule valgono le medesime osservazioni riportate nel caso precedentemente descritto.

7

DATA

NOME

QUAN.TA'

 

 

 

 

 

8

12/03/04

Mao

10

Problema3

 

 

 

 

9

12/03/04

Mao

20

NOME

DATA

MAX

MIN

MEDIA

10

12/03/04

Barbara

10

Mao

12/03/04

20

10

15

11

12/03/04

Barbara

20

Barbara

13/03/04

5

4

4,5

12

12/03/04

Ivano

15

Ivano

12/03/04

25

15

20

13

12/03/04

Ivano

25

 

 

 

 

 

14

12/03/04

Fernando

35

 

 

 

 

 

15

12/03/04

Fernando

45

 

 

 

 

 

16

12/03/04

Ester

12

 

 

 

 

 

17

12/03/04

Ester

3

 

 

 

 

 

18

13/03/04

Mao

3

 

 

 

 

 

19

13/03/04

Mao

32

 

 

 

 

 

20

13/03/04

Barbara

4

 

 

 

 

 

21

13/03/04

Barbara

5

 

 

 

 

 

22

13/03/04

Ivano

3

 

 

 

 

 

23

13/03/04

Ivano

23

 

 

 

 

 

24

13/03/04

Fernando

34

 

 

 

 

 

25

13/03/04

Fernando

43

 

 

 

 

 

26

13/03/04

Ester

21

 

 

 

 

 

27

13/03/04

Ester

3

 

 

 

 

 

 
La formula inserita in cella L10 è questa:

=MAX(SE(($H$8:$H$27=$J10)*($G$8:$G$27=$K10);$I$8:$I$27)) 

dove in J10 c’è il nome da ricercare e in K10 la data. La formula è ancora matriciale.

In questa formula chiediamo a Excel di trovare il MAX dei valori nell'intervallo I8:I27, considerando soltanto quelli relativi al nome Mao, in H8:H27, e alla data "12/03/04", nell'intervallo G8:G27.

Nelle celle J11 e J12 e in quelle K11 e K12 sono stati inseriti rispettivamente altri due nomi e altre due date e calcolati i rispettivi valori max, min e media, nelle due righe successive della tabellina in grassetto.

 

 

 

 


Allegato: MinMaxMedia.xls

Sistema operativo: WIN32

Applicazioni: Excel 95, Excel 97, Excel 2000, Excel 2002/XP, Excel 2003

Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Novembre 2009 15:39
 

Trovare le coordinate di una cella

E-mail Stampa PDF

Domanda

Vorrei trovare il "nome" di una cella, ovvero le coordinate, in base al suo contenuto.
Esempio: in una colonna (es. la colonna [A]) ho valori diversi mentre nella cella di un'altra colonna ho uno di questi valori (determinato da un calcolo); vorrei trovare le coordinate di riferimento della cella in colonna [A] che contiene quest'ultimo.

Risposta (di Giovanna Arcadu)

ipotizzando il tuo elenco di valori in colonna [A], nell'intervallo [A2:A10] e il valore di riferimento nella cella [G2], applica la seguente formula:
=INDIRIZZO(CONFRONTA($G$2;$A$2:$A$10;0)+1;1;4)
Se cambi colonna-elenco devi sostituire il valore 1 del secondo argomento della funzione INDIRIZZO() (quello che precede il 4), con il numero di colonna.
Questa funzione restituisce l'indirizzo della cella come riferimento relativo (es. [A3]).

Se preferisci o ti serve quello assoluto, la formula va modificata come segue:
 
=INDIRIZZO(CONFRONTA(G2;A2:A10;0)+1;1;)
 
che ti restituisce [$A$3].
 

 

 


Sistema operativo: WIN32

Applicazioni: Excel 97, Excel 2000, Excel 2002/XP, Excel 2003, Excel 2007

 

Animazioni in PowerPoint 2007

E-mail Stampa PDF

In questo articolo una descrizione passo, passo di come creare animazioni in Powerpoint 2007

Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Agosto 2009 12:15 Leggi tutto...
 


Pagina 4 di 15

Pubblicità

Link consigliati: